Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 2, Regio I: Avella, Atripalda, Salerno
Éditeur
Collège de France
Date de publication
Collection
Institut des civilisations
Langue
italien
Fiches UNIMARC
S'identifier

Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell'Italia antica (FTD) - 2

Regio I: Avella, Atripalda, Salerno

Collège de France

Institut des civilisations

AideEAN13 : 9782722604124
  • Fichier PDF, libre d'utilisation
  • Fichier EPUB, libre d'utilisation
  • Fichier Mobipocket, libre d'utilisation
  • Lecture en ligne, lecture en ligne
8.99

Sotto la direzione di John Scheid, Olivier de Cazanove, Filippo Coarelli e
Adriano La Regina, lo studio dei luoghi di culto dell’Italia antica è un
progetto di ampia portata che si concretizza nella pubblicazione della serie
di fascicoli che vanno sotto il nome di Fana, templa, delubra (FTD). Il
progetto censisce e inventaria l’insieme delle fonti archeologiche e
letterarie comprese tra il VII secolo a.C. e il VII secolo d.C. in rapporto a
singoli luoghi di culto. Il quadro generale di questo corpus è quello delle
regioni augustee e, all’interno di queste, le unità di riferimento sono le
città dell’epoca romana che costituiscono dei microsistemi omologi ma
autonomi. Per questo motivo si è deciso di studiare le testimonianze
riguardanti la vita religiosa nel loro contesto geografico, istituzionale e
sociale. Questo secondo volume della serie riguarda le città antiche di
Abella, Abellinum e Salernum della regio I Samnium – che corrispondono alle
città moderne di Avella, di Atripalda e Salerno in provincia di Campania e
Lazio. Le vestigia dei luoghi di culto aiutano a definire i limiti del
territorio che appartiene a ciascuna di queste città e a tracciare sulla carta
l’estensione di queste regioni e di quelle limitrofe. Questo corpus è
pubblicato in due forme distinte e complementari: una pubblicazione cartacea
presso un editore italiano e una pubblicazione elettronica su questo portale.

S'identifier pour envoyer des commentaires.