Alessandro Baudi di Vesme e la scoperta dell’arte in Piemonte
Éditeur
Ledizioni
Date de publication
Collection
Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino
Langue
italien
Fiches UNIMARC
S'identifier

Alessandro Baudi di Vesme e la scoperta dell’arte in Piemonte

Ledizioni

Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino

AideEAN13 : 9788855260091
  • Fichier PDF, libre d'utilisation
  • Fichier EPUB, libre d'utilisation
  • Fichier Mobipocket, libre d'utilisation
  • Lecture en ligne, lecture en ligne
12.99

Come Adolfo Venturi e Corrado Ricci, Alessandro Baudi di Vesme (1854-1923)
appartenne all’ultima generazione di studiosi e funzionari autodidatti che
lavorò, tra Otto e Novecento, al delicato processo di affermazione della
disciplina storico-artistica in Italia. Storico direttore della Regia
Pinacoteca di Torino e primo soprintendente alle gallerie e agli ggetti d’arte
del Piemonte e della Liguria, Vesme affiancò ai propri impegni istituzionali
un’intensa attività di studio della cultura figurativa locale con uno sguardo
privilegiato sulle vicende della pittura del Quattro e Cinquecento, in pieno
allineamento agli indirizzi del dibattito storiografico europeo di quegli
anni. Sottese da una prospettiva di riabilitazione culturale volta a
riscattare la regione subalpina dal novero delle periferie dell’arte, quelle
indagini diedero vita a un progetto di edizione filologica delle fonti che
ancora oggi è considerato il riferimento documentario per eccellenza
nell’ambito della storia delle arti in Piemonte: le Schede Vesme, pubblicate
postume tra il 1963 e il 1982. Il volume ripercorre il profilo critico e
professionale del loro estensore attraverso il filo dell’interazione reciproca
tra i piani di ricerca e le iniziative di tutela da lui promosse, rapportando
e legittimando le sue esperienze individuali alla luce del confronto con gli
interlocutori italiani e stranieri e le istanze, i metodi e le peculiarità del
contesto piemontese.

S'identifier pour envoyer des commentaires.